“Ispiraci il sogno di un nuovo incontro, di dialogo, di giustizia, di pace.

Stimolaci a creare società più sane e un mondo più degno senza povertà, senza violenza, senza guerre” (FT)



Papa: il Creato è “il social di Dio”


Riportiamo un articolo dell’1 settembre 2019 da Vatican News:

“Scegliamo la vita”, senza aspettare che sia troppo tardi, ci sono interventi non più rimandabili: è l’appello che il Papa rivolge nel Messaggio per l’odierna Giornata mondiale di preghiera per la cura del Creato, ricordata sia all’Angelus che via Twitter. Il suo invito è a imboccare percorsi lungimiranti, fatti di rinunce responsabili oggi, per garantire prospettive di vita domani

Di fronte all’”emergenza climatica” che “abbiamo creato” e che “minaccia gravemente” anche la nostra vita, si leva forte l’appello del Papa: “è tempo di pentirsi e convertirsi”. Siamo “creature predilette di Dio”, chiamate non a spadroneggiare ma ad amare la vita in comunione con il Creato, ricorda Francesco. Tutto il Messaggio chiede che gli uomini riscoprano la vocazione di “custodi del Creato”, “al centro di una rete della vita costituita da milioni di specie per noi amorevolmente congiunte dal nostro Creatore”. Gli appelli sono rivolti soprattutto ai governi, che si riuniranno nei prossimi mesi, perché rinnovino gli impegni decisivi a “orientare il pianeta verso la vita anziché incontro alla morte”.

Al via il “Tempo del Creato”

Questa Quinta Giornata mondiale di preghiera per la cura del Creato, istituita dal Papa il 10 agosto del 2015, dà inizio al “Tempo del Creato” che dura fino al 4 ottobre, festa di San Francesco d’Assisi. Un periodo, evidenzia il Papa nel Messaggio, per pregare nella natura, per riflettere sui nostri stili di vita, spesso dannosi, e anche per intraprendere azioni profetiche. L’iniziativa, nata in ambito ecumenico, vuole spronare i cristiani alla preghiera e all’azione, sentendosi ancora più uniti fra i fratelli delle varie confessioni. In particolare il suo pensiero va ai fedeli ortodossi che da trent’anni celebrano questa Giornata. Si tratta di una sintonia da vivere con tutti gli uomini di buona volontà chiamati a custodire la rete della vita. Il Papa conferma, dunque, ancora una volta, l’attenzione alla difesa del Creato di cui la Laudato si’ è stata una pietra miliare.

Tempo per riflettere su stili di vita dannosi

L’esortazione del Pontefice, in questo periodo, è quella di riflettere su come “le nostre scelte quotidiane” in fatto di “cibo, consumi, spostamenti, utilizzo dell’acqua e dell’energia” siano spesso “sconsiderate e dannose”. Vengono, quindi, proposti “stili di vita più semplici e rispettosi”, abbandonando la dipendenza dai combustibili fossili per andare verso forme di energia pulita e di economia sostenibile e circolare, ascoltando la saggezza delle popolazioni indigene per vivere meglio il rapporto con l’ambiente. Prima, il Papa aveva fatto una panoramica del degrado che si è accentuato negli ultimi decenni: dall’inquinamento costante all’uso incessante di combustibili fossili, fino alla pratica di radere al suolo le foreste, “innalzando le temperature globali a livello di guardia”. Fenomeni meteorologici estremi e desertificazioni mettono a dura prova i più vulnerabili, evidenzia, tornando a mettere in guardia, fra l’altro, anche sullo scioglimento dei ghiacciai e sulla considerevole presenza di plastica negli oceani. Una conferma dell’urgenza di “interventi non più rimandabili”.

No a ingordigia dei consumi, rinunce per il futuro

Per Francesco è anche “il tempo per intraprendere azioni profetiche”, notando come molti giovani stiano alzano la voce nel mondo, delusi da impegni presi e poi trascurati. Giovani che ricordano come la Terra sia un bene da trasmettere. “A loro”, scrive il Pontefice, dobbiamo “fatti, non illusioni”. Quindi richiamandosi alle parole di Mosè all’ingresso della Terra Promessa, rivolge una forte esortazione. “Scegliamo dunque la vita! Diciamo no – evidenzia – all’ingordigia dei consumi e alle pretese di onnipotenza, vie di morte; imbocchiamo percorsi lungimiranti, fatti di rinunce responsabili oggi per garantire prospettive di vita domani. Non cediamo alle logiche perverse dei guadagni facili, pensiamo al futuro di tutti!”.

I Governi accelerino provvedimenti, ciascuno si senta responsabile

In particolare il Papa sottolinea l’importanza del Vertice delle Nazioni Unite sul clima, che si tiene a settembre a New York, nel quale i Governi hanno il compito di mostrare la volontà politica di accelerare drasticamente i provvedimenti per raggiungere quanto prima “emissioni nette di gas serra pari a zero e di contenere l’aumento medio della temperatura globale a 1,5°C rispetto ai livelli preindustriali”, in linea con gli obiettivi dell’Accordo di Parigi. Il suo pensiero va anche al prossimo Sinodo sull’Amazzonia, dal 6 al 27 ottobre in Vaticano. Opportunità per rispondere al grido dei poveri e della Terra, esorta. “Ogni fedele cristiano, ogni membro della famiglia umana può contribuire a tessere, come un filo sottile, ma unico e indispensabile, la rete della vita che tutti abbraccia”, chiede ancora Francesco, invitando a sentirci “responsabili nel prendere a cuore, con la preghiera e con l’impegno, la cura del Creato” e ad avere “il coraggio di operare il bene senza aspettare che siano altri a iniziare, senza aspettare che sia troppo tardi”. Dio offre all’uomo il Creato come dono da custodire, ribadisce, ma “tragicamente, la risposta umana” è stata segnata dal peccato e dalla cupidigia tanto che “egoismi e interessi” hanno fatto del creato da luogo di incontro, un teatro di scontri.

Pregare immersi nella natura

Un tempo, questo, in cui il Papa chiede, inoltre, di “riabituarci a pregare immersi nella natura”, anche nel silenzio, per uscire “dalle nostre chiusure autoreferenziali” e scoprirci avvolti dalla tenerezza del Padre. Diceva San Bonaventura che il Creato è il primo “libro” che Dio ha aperto davanti ai nostri occhi, perché ammirandone la bellezza, siamo condotti a lodare il Creatore. Ogni creatura è, dunque, donata come una “parola di Dio”. “In questo senso possiamo dire – ribadisce – che il Creato, rete della vita, luogo di incontro col Signore e tra di noi, è «il social di Dio»”.

Riportiamo il video dell’intenzione di preghiera del Papa (Settembre 2019)

Appunti di ecologia integrale

La road map di Papa Francesco: dalla Evangelii Gaudium alla Fratelli Tutti“: https://fb.watch/dEgsNse8x_/

Oltre l’emergenza per promuovere la cultura della cura” – Don Maurizio Tarantino, Direttore Caritas di Otranto: https://fb.watch/dEgx2k-FER/

Il processo sinodale: luogo dell’ascolto e della condivisione” – Mons. Francesco Pesce, Incaricato Servizio Pastorale Sociale e del Lavoro e Oliviero Bettinelli, Vicedirettore Servizio Pastorale Sociale e del Lavoro: https://fb.watch/dEgAkckCaK/

Custodi del creato al tempo dei cambiamenti climatici” – Cecilia Dall’Oglio, Direttrice programmi europei “Movimento Laudato Si’”, Pierluigi Sassi, Presidente Earth Day Italia: https://fb.watch/dEgEzichiA/

Quando commerciare fa rima con armare”- Don Renato Sacco, Consigliere Nazionale Pax Christi, redattore di Mosaico di Pace: https://fb.watch/dEgK32ZCpd/

Informare per partecipare: dal PNRR ai trattati internazionali” – Monica Di Sisto, giornalista, vicepresidente Fairwatch, osservatorio su commercio internazionale e clima e con Mariagrazia Midulla, responsabile clima ed energia WWF Italia https://fb.watch/dEgOrJVYfP/

Dialogo fra generazioni, educazione e lavoro: strumenti per edificare una pace duratura” – don Tonio Dell’Olio, Presidente della Pro Civitate Christiana di Assisi, giornalista e redattore di Mosaico di Pace: https://fb.watch/dEgUr2TpWm/

Pace è giustizia sociale” – Nicoletta Dentico, responsabile programma di salute globale, Society for International Development (SID): https://fb.watch/dEgX_UItj9/

La finanza: meccanismi e responsabilità” – Simone Grillo, Banca Etica: https://fb.watch/dEg-LxIDhM/

Migrazioni e migranti” – Luca Di Sciullo, Presidente Centro Studio e Ricerche IDOS: https://fb.watch/dEh2E6iAkj/

A proposito di economia trasformativa” – Riccardo Troisi , economista e docente di Economia Trasformativa presso l’Università Cooperativa di Colombia: https://fb.watch/dEh61_WndS/

Questa economia uccide” – Monica Di Sisto , giornalista, Vicepresidente di Fairwatch, osservatorio su commercio internazionale e clima: https://fb.watch/dEh9hhR_M6/

Dalle buone prassi alla buona politica” – Toni Mira, giornalista Avvenire, esperto di problemi sociali: https://fb.watch/dEhbZaFxqX/

Il tortuoso mondo del lavoro. Sulle tracce di percorsi possibili” – Soana Tortora (Solidarius Italia) e con Marco Ruopoli (coop. SOPHIA): https://fb.watch/dEhff_xT6s/

Pensare progetti per iniziare processi. La sfida e la pazienza del lavoro di comunità” – Oliviero Bettinelli, Vicedirettore dell’Ufficio Pastorale Sociale e del Lavoro della Diocesi di Roma: https://fb.watch/dEhhQhipux/

La comunità ecclesiale tra coerenze, impegno e annuncio. Tracce di un cammino” – Mons. Francesco Pesce, Incaricato Servizio Pastorale Sociale e del Lavoro: https://fb.watch/dEhjEhe0ex/

 

Editoriale

In Evidenza

Le parole di Liliana Segre

13 ottobre 2022

“Colleghe Senatrici, Colleghi Senatori, rivolgo il più caloroso saluto al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e a quest’Aula. Con rispetto, rivolgo il mio pensiero a Papa Francesco.

Certa di interpretare i sentimenti di tutta l’Assemblea, desidero indirizzare al Presidente Emerito Giorgio Napolitano, che non ha potuto presiedere la seduta odierna, i più fervidi auguri e la speranza di vederlo ritornare presto ristabilito in Senato. Il Presidente Napolitano mi incarica di condividere con voi queste sue parole: “Desidero esprimere a tutte le senatrici ed i senatori, di vecchia e nuova nomina, i migliori auguri di buon lavoro, al servizio esclusivo del nostro Paese e dell’istituzione parlamentare ai quali ho dedicato larga parte della mia vita”.

Per leggere il Discorso completo: http://www.pastoralesociale.diocesidiroma.it/index.php/il-discorso-di-liliana-segre-in-senato/

 

 

 

 

Iscriviti alla nostra Newsletter

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Calendario Eventi

Apri Calendario Completo

Novembre 2022
lunedì martedì mercoledì giovedì venerdì sabato domenica
31 Ottobre 2022 1 Novembre 2022 2 Novembre 2022 3 Novembre 2022 4 Novembre 2022 5 Novembre 2022 6 Novembre 2022
7 Novembre 2022 8 Novembre 2022 9 Novembre 2022 10 Novembre 2022 11 Novembre 2022 12 Novembre 2022 13 Novembre 2022
14 Novembre 2022 15 Novembre 2022 16 Novembre 2022 17 Novembre 2022 18 Novembre 2022 19 Novembre 2022 20 Novembre 2022
21 Novembre 2022 22 Novembre 2022 23 Novembre 2022 24 Novembre 2022 25 Novembre 2022 26 Novembre 2022 27 Novembre 2022
28 Novembre 2022 29 Novembre 2022 30 Novembre 2022 1 Dicembre 2022 2 Dicembre 2022 3 Dicembre 2022 4 Dicembre 2022