“Ispiraci il sogno di un nuovo incontro, di dialogo, di giustizia, di pace.

Stimolaci a creare società più sane e un mondo più degno senza povertà, senza violenza, senza guerre” (FT)



Rapporto di ricerca Euricse-Istat 2021


L’economia sociale in Italia è costituita da 379.176 organizzazioni con un valore aggiunto
complessivo di oltre 49 miliardi di euro, 1,52 milioni di addetti e più di 5,5 milioni di volontari. Rispetto al
settore privato, l’economia sociale rappresenta l’8% delle organizzazioni, il 6,7% del valore aggiunto, il
9,1% degli addetti e il 12,7% dei dipendenti. Peso su valore aggiunto e addetti che sale ulteriormente,
rispettivamente, al 7,0% e al 9,4% se si includono anche le società di capitali controllate dalle cooperative
al vertice di un gruppo d’impresa. Questi alcuni dei dati più significativi contenuti nel nuovo Rapporto Euricse-Istat 2021 sull’economia sociale nel nostro paese. Un rapporto che prende in esame le associazioni, le cooperative, le mutue, le fondazioni
e le altre istituzioni nonprofit come le imprese sociali, su dati 2015-2017.

Guardando all’intera economia italiana, mette in rilievo il Rapporto, ovvero considerando sia la parte pubblica che quella privata, il contributo delle Organizzazioni dell’ economia sociale (OES) alla formazione del valore aggiunto nazionale è del 3,4% (3,5% includendo
le controllate). In particolare, il maggior peso dell’economia sociale si registra nel Nord-Est e nel Centro con
rispettivamente il 4% e il 4,3%; nelle regioni meridionali, invece, la percentuale scende al 2%.

Il 75,7% delle OES è costituito in forma di associazione. Le cooperative, prosegue il Rapporto Euricse-Istat,
rappresentano invece il 15,6% delle unità. Tuttavia, se si considera il peso economico, le proporzioni si invertono: sono le cooperative a contribuire maggiormente alla formazione del valore aggiunto
dell’economia sociale con una quota del 60%, pari a 28,6 miliardi di euro. Le cooperative sono anche il
principale bacino occupazionale dell’economia sociale: impiegano oltre i tre quarti degli addetti (1,15
milioni di cui 380 mila nelle sociali e 771 mila nelle altre).

Le OES operano in tutti i settori di attività, con una concentrazione numerica
maggiore nei settori delle attività artistiche, sportive e di intrattenimento (37%) e degli altri servizi (35%),
attività tipiche delle istituzioni non profit. Sebbene più distanziato, il settore successivo per consistenza
numerica è quello della sanità e assistenza sociale (11,3%). Quest’ultimo settore è però il più rilevante dal
punto di vista economico: le OES che vi operano generano un valore aggiunto pari a 12,7 miliardi di euro
(25,9% del totale). La sanità e assistenza sociale con più di 445 mila addetti (29,3%), i servizi di supporto
alle imprese con quasi 224 mila addetti (14,6%) e il trasporto e magazzinaggio con più di 200 mila (13,6%)
si confermano i settori più rilevanti anche sul fronte dell’occupazione.

Rispetto all’intera economia privata, dal punto di vista del numero di organizzazioni,
l’incidenza maggiore si riscontra nei settori degli altri servizi (64,8%), della ricreazione, sport e cultura
(48,1%) e dell’istruzione (17,1%), e cioè nei settori dove prevalgono le forme organizzative di tipo
associativo. Spostando invece l’attenzione sul valore aggiunto e sull’occupazione, il settore dove le OES
sono di assoluta rilevanza è quello dell’istruzione (che rappresenta oltre il 60% del valore aggiunto e degli
addetti dell’economia privata), seguito dai settori degli altri servizi (71% del valore aggiunto, 23,3% degli
addetti), della sanità e assistenza sociale (35,9% del valore aggiunto, 45,1% degli addetti) e delle attività
culturali, sportive e ricreative (25,3% del valore aggiunto, 21% degli addetti).

A livello regionale, invece, oltre il 15% delle OES è concentrato in Lombardia, circa il 10% nel Lazio e
l’8% in Veneto, Piemonte ed Emilia-Romagna. La distribuzione del valore aggiunto per regione delinea una
maggiore capacità di generare reddito da parte delle organizzazioni attive nelle regioni del Nord che, pur
rappresentando il 49,4% del totale delle OES, producono il 59% del valore aggiunto complessivo. In
particolare, oltre un terzo del valore aggiunto totale è prodotto in due regioni: in Lombardia (22%) e in
Emilia-Romagna (15%).
“L’economia sociale contribuisce alla formazione dei redditi e dell’occupazione dei sistemi economici
regionali in modo diverso”, si legge ancora nel Rapporto sull’economia sociale, “in Emilia-Romagna, Umbria, Sardegna, Molise e Puglia, caratterizzate da un peso
delle OES sul valore aggiunto dell’economia privata intorno al 10%, il contributo delle cooperative è
predominante. Le cooperative dell’Emilia-Romagna, infatti, contribuiscono al valore aggiunto della regione
con il 9,3% (il resto delle OES con l’1,3%), quelle dell’Umbria con l’8,5% (1,8% per le altre OES), in Sardegna
con il 6,7% (2,4% per le altre OES). “Ancora più evidente è l’apporto delle OES – soprattutto delle
cooperative – al numero complessivo dei dipendenti delle imprese private nelle singole regioni. In
particolare, i dipendenti delle OES di Emilia-Romagna, Sardegna, Trentino-Alto Adige, Molise, Umbria e
Basilicata contribuiscono a circa il 15% del numero complessivo di dipendenti delle imprese private e, in queste regioni, il peso dei dipendenti delle cooperative risulta sempre superiore all’11% del totale
regionale (in particolare in Emilia-Romagna il 18,6% di dipendenti è impiegato da cooperative)”.

Il 41,3% delle OES presenta un orientamento market, ovvero vendono ad altri
tutto o gran parte di ciò che producono ad un prezzo economicamente significativo. Questa componente
impiega il 93,9% di addetti dell’economia sociale e genera circa il 90% del valore aggiunto complessivo.
Diversamente, le OES non market – che offrono gratuitamente beni e servizi prodotti o li vendono ad un
prezzo “calmierato” – impiegano meno addetti (il 6,1% del totale), avvalendosi prevalentemente di
personale non retribuito (63,8% dei volontari attivi nell’economia sociale), e generando poco più del 10,1%
del valore aggiunto dell’intero settore.

Nell’85,5% delle istituzioni non profit italiane la fonte di finanziamento
principale è di provenienza privata, mentre nel 14,5% dei casi prevale quella pubblica. Le organizzazioni
che utilizzano maggiormente fonti di finanziamento pubblico sono presenti soprattutto nei settori della
sanità (48,2%) e dell’assistenza sociale e protezione civile (33,4%). Il ricorso a entrate di natura privata è
più diffuso invece tra gli enti che operano nei settori della religione (97,8%), delle relazioni sindacali e
rappresentanza di interessi (94,6%), della cooperazione e solidarietà internazionale (89,6%).

Le donne rappresentano il 57,2% dei dipendenti delle OES contro il 39,2% nelle altre
imprese. Le OES si caratterizzano per un livello di istruzione superiore rispetto a coloro che lavorano nelle
altre imprese: i dipendenti laureati sono il 21,4% nelle prime e inferiori al 15% nelle seconde. Inoltre, il
54,1% dei dipendenti delle OES ha un contratto a tempo pieno, mentre nelle altre imprese la percentuale è
significativamente più elevata (73,2%). La maggior presenza di lavoratori part-time può essere spiegata
come conseguenza del maggior peso della componente femminile sul totale occupati OES e quindi di una
probabile conciliazione dei tempi di vita tra impegni familiari e lavorativi, oltre che dalla concentrazione in
determinate attività economiche.

L’evoluzione dell’economia sociale negli anni più recenti segnala, dal 2015 al 2017, una
dinamica positiva sia del numero di organizzazioni (+4,2%), passate da 379.176 nel 2015 a 394.968 nel
2017, sia del numero di dipendenti (+3,5%), passati da 1,49 a 1,55 milioni. A fronte dell’incremento medio
nazionale, la dinamica delle OES nelle regioni risulta tuttavia molto diversificata. Per quanto riguarda il
numero delle organizzazioni, la crescita maggiore si registra in alcune regioni meridionali, in particolare in
Molise, dove l’incremento tra il 2015 e il 2017 è risultato superiore al 14%, e in Calabria, Basilicata e
Campania (con aumenti superiori all’8%).

L’ultima parte del rapporto è dedicata a focus settoriali su sanità e assistenza sociale,
istruzione e formazione, cultura, sport e ricreazione. L’analisi evidenzia che il processo di policy making a
livello degli enti territoriali e locali ha prodotto un welfare a geometria variabile in cui cambia l’apporto di
amministrazioni locali, mercato ed economia sociale e che restituisce una rappresentazione di quest’ultima
che va oltre la tradizionale separazione tra Nord e Sud del Paese.

(Giuseppe Cionti)

Verso Taranto 2021

Compila il nostro questionario per farci sapere come la tua realtà e comunità vive la proposta di conversione verso un’ecologia integrale nel territorio di Roma:  https://form.jotform.com/211051895749362

Editoriale

L’Editoriale di Oliviero Bettinelli

Abbiamo accettato la sfida. Impegnativa e rivoluzionaria. Ma l’abbiamo accettata. Con entusiasmo, consapevoli dei nostri limiti, poco attrezzati e magari un po’ riottosi, ma siamo partiti.

Ci viene chiesto di ribaltare il mondo. Non facile per noi che ci abitiamo dentro. Da una parte consapevoli della necessità di farlo, dall’altra consapevoli che per farlo dobbiamo cambiare dentro per riuscire forse a cambiare il fuori.

Per leggere l’editoriale completo: http://www.pastoralesociale.diocesidiroma.it/index.php/mappa-sui-sentieri-di-una-ecologia-integrarle/

In Evidenza

49a Settimana Sociale

Taranto, 21 – 24 ottobre 2021

Con l’Instrumentum Laboris, entra nel vivo la preparazione della 49a Settimana Sociale che si terrà a Taranto dal 21 al 24 ottobre 2021 sul tema: “Il pianeta che speriamo. Ambiente, lavoro e futuro. #tuttoèconnesso”.

Il faro resta l’Enciclica sociale di Papa Francesco Laudato Si’ che pone al centro la categoria di ecologia integrale, da intendersi alla luce del nuovo documento pontificio Fratelli Tutti.

Per approfondire: http://www.pastoralesociale.diocesidiroma.it/index.php/49a-settimana-sociale/

Per consultare il programma completo: https://www.settimanesociali.it/49a-settimana-sociale-il-programma/?fbclid=IwAR3wmSuqEi1Y3DaUp93VCinJ7cC0kvOaMOhCX3QNQ74pfpA_ESw2tua-dQA

 

 

 

 

Iscriviti alla NewsLetter

Calendario Eventi

Apri Calendario Completo

ottobre 2021
lunedì martedì mercoledì giovedì venerdì sabato domenica
27 settembre 2021 28 settembre 2021 29 settembre 2021 30 settembre 2021 1 ottobre 2021 2 ottobre 2021 3 ottobre 2021
4 ottobre 2021 5 ottobre 2021 6 ottobre 2021 7 ottobre 2021 8 ottobre 2021 9 ottobre 2021 10 ottobre 2021
11 ottobre 2021 12 ottobre 2021 13 ottobre 2021 14 ottobre 2021 15 ottobre 2021 16 ottobre 2021 17 ottobre 2021
18 ottobre 2021 19 ottobre 2021 20 ottobre 2021 21 ottobre 2021 22 ottobre 2021 23 ottobre 2021 24 ottobre 2021
25 ottobre 2021 26 ottobre 2021 27 ottobre 2021 28 ottobre 2021 29 ottobre 2021 30 ottobre 2021 31 ottobre 2021