“Ispiraci il sogno di un nuovo incontro, di dialogo, di giustizia, di pace.

Stimolaci a creare società più sane e un mondo più degno senza povertà, senza violenza, senza guerre” (FT)



Tessere reti sociali per andare oltre le disuguaglianze


Giuseppe Cionti

Ascoltare in questi giorni le parole di un alto funzionario responsabile del sistema farmacologico nazionale, che in tv ha affermato candidamente che dobbiamo prepararci a produrre a livello nazionale un sistema vaccinale di massa perché, passato il Covid, altri virus letali ci insidieranno visto che “stiamo mutando irreversibilmente il clima del pianeta, con tutte le conseguenze del caso”, non dovrebbe lasciarci indifferenti ma spingerci ad urgenti “conversioni” di stili di vita collettivi e personali. Insomma ad importanti e coraggiose “scelte politiche” su diversi versanti.

C’è chi – di tutto ciò – si è occupato per anni ed ora potrebbe legittimamente arrogarsi di dire: “ve lo avevamo detto…”. Tra questi ci sono certamente i protagonisti del secondo incontro di formazione “Progettare un’economia trasformativa per una comunità sostenibile e solidale a Roma” organizzato da Fairwatch, Ufficio della Pastorale Sociale e del Lavoro della Diocesi di Roma , Rete di Economia Sociale Solidale Roma , Commonfare, Assocazione Laudato Si’, grazie alla collaborazione dell’ARCS nell’ambito del progetto “P come Partecipazione: azioni di capacity building per uno sviluppo sostenibile partecipato” finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

Docenti di questo nuovo incontro che ha avuto come filo conduttore quello delle “Economie trasformative per una società della cura”: Salvatore Monni, economista dell’Università Roma 3, (“Oltre le diseguaglianze”), Riccardo Troisi, di Fairwatch (“Economie Trasformative”); Soana Tortora, di Solidarius Italia, (“Tessere reti sociali”) e Lucia Cuffaro del Movimento per la Decrescita Felice.

“Quello che abbiamo voluto fare con il nostro blog (Mapparoma) nato poco dopo le scorse elezioni comunale – ha detto Salvatore Monni – è stato di raccontare una città a tutti, uscendo da una certa retorica. Oggi Roma è una città profondamente diseguale e studiate le diverse zone urbanistiche con altri occhiali, ha fatto emergere che è un aggregato umano profondamente diseguale e non solo in termini di reddito, visto che le differenze maggiori le abbiamo riscontrate in termini di opportunità. Insomma – ha aggiunto – nascere in un quartiere o in un altro può fare tutta la differenza del mondo e, in concreto, può significare per le zone periferiche non superare il 5% di popolazione con una laurea mentre nelle zone centrali o più agiate questa percentuale sale fino al 42%. Monni ricorda poi che Roma è una città che si è trasformata profondamente negli anni con un centro abitato da una popolazione sostanzialmente anziana, single, ricca e istruita. Questo mentre in periferia, invece, prevalgono nuclei familiari meno ricchi e con un disagio visibile; luoghi “dove sono arrivati meno servizi, meno asili e dove incidono le diseguaglianze che colpiscono soprattutto le donne. Disagi che riguardano anche il sistema di trasporti, lo sport e servizi come l’accesso alla rete internet”.

Insomma mappare la città è uno strumento essenziale per conoscere opportunità e diseguaglianze, accentuate ovviamente con la pandemia. Se infatti è vero che il virus ha messo tutti a rischio anche dal punto di vista sociale, lo è anche che “qualcuno è più a rischio di altri come, appunto, chi ha un titolo di studio basso, chi non ha potuto evitare i pericoli di contagio non potendo usufruire dello smart working, chi ha perso il lavoro”. Insomma, precari, giovani, donne, migranti la cui “situazione si è aggravata con una durezza incredibile”.

Questi i temi di un prossimo libro annunciato dall’economista dal titolo: “Le sette Rome” che analizzerà anche l’impatto della pandemia sui quartieri della capitale. Un solo dato, anticipato nel corso del webinar, non ammette repliche se si pensa che nella zona Est della Capitale ben il 50% della popolazione in età lavorativa sopravvive ormai grazie a sussidi come il reddito di cittadinanza, di emergenza o la cassa integrazione. ”Un disagio che si estende a livello abitativo dove spesso le case sono troppo piccole per lo smart working”.

“Ma oggi vogliamo parlare anche di cose che funzionano – ha spiegato Monni – partendo dal dato che dove il disagio è maggiore, la comunità si auto-organizza e si sostituisce allo Stato. Oggi la città è piena di associazioni nate in questi mesi per il mutuo aiuto. Associazioni laiche e cattoliche, con il comun denominatore di un altruismo incredibile. Una ‘mappa della cura’ di singoli e realtà organizzative impegnati nell’aiuto ma che spesso non emergono. Insomma c’è un capitale umano incredibile che la politica ha la grande responsabilità di trasformare in una risorsa per trovare soluzioni e ridisegnare la città. Roma oggi viene letta male, usando strumenti sbagliati che non ti consentono di studiarla con attenzione. Come si fa per coinvolgerla? Soprattutto conoscendo e ascoltando….”.

A porre l’attenzione sulla necessità di non disperdere un patrimonio umano e sociale che, per certi versi, si è consolidato proprio nella pandemia è stato anche l’altro economista, Riccardo Troisi che ha ricordato come “viviamo una crisi che non nasce adesso col Covid visto che ecologia, socialità e cultura sono parte ormai di una crisi divenuta permanente. Ma è pur vero – ha chiarito Troisi – che c’è anche una forte reazione a tutto ciò grazie anche ad un ‘vaccino sociale’ fatto di mutualismo e solidarietà dove al centro c’è la relazione. Alcuni concetti e termini, poi, iniziano a trovare un lessico più diffuso. Basti pensare ad un termine come quello della ‘transizione’. Se c’è una economia che non si è fermata e porta avanti come nulla fosse il mantra della crescita come unica soluzione, nel periodo del Covid abbiamo assistito ad un maggiore dinamismo dell’economia trasformativa con l’aumento di coloro che hanno reagito alla crisi permanente con soluzioni diverse e innovative”.

Una crescita testimoniata anche dai dati Ue che hanno certificato che l’economia trasformativa raggiunge oggi circa l’8% del Pil del continente con realtà legate all’agricoltura di qualità e rispettosa dell’ambiente o il riciclo. Insomma, quella dell’economia trasformativa è una esperienza territoriale in crescita se è vero che dati di uno studio del 2018 ci dicono che il 63% conosce e in qualche maniera si sforza di fare consumo responsabile mentre nel 2002 questo dato non superava il 28% di attenzione al consumo. I settori più attenti, ha testimoniato Troisi, sono quelli legati alla filiera agroalimentare, seguiti dalle costruzioni ecocompatibili e della finanza etica.

Ma se si tratta di pratiche che stanno indubbiamente iniziando a dialogare anche tra i Nord e i Sud del mondo – ha tenuto a precisare il rappresentante di Fairwatch – assistiamo ancora a dei punti di debolezza strutturale da affrontare e di sfide da accettare. Tra queste la difficoltà di praticare un lavoro in rete e rafforzare modelli di collaborazione territoriale, infine quella della comunicazione delle singole esperienze spesso rinchiuse in una nicchia. Altre debolezze sono quelle legate al quadro amministrativo e alle poche politiche pubbliche e poi come trasferire queste esperienze economiche a livello locale”.

A portare l’esperienza di “Solidarius” è stata, invece, Soana Tortora che ha sottolineato come non si tratti di una associazione ma “di aver avuto da sempre l’ambizione di essere una micro-impresa di economia sociale, per essere in rete con altre realtà”.

La Tortora ha insistito molto sul tema della formazione spiegando che il “primo passo non è mettere a disposizione cose ma flussi di conoscenza. Le disuguaglianze più grosse – ha affermato – stanno proprio nelle disuguaglianze delle nostre conoscenze e del sapere. Occorre, invece, mettere in comune linguaggi a partire dallo scambio di esperienze, dall’empatia e dal mettersi l’uno nei panni dell’altro. Occorre, insomma, tessere partenariato come si fa con la cooperazione”. La Tortora ha, quindi, portato l’esperienza della sua organizzazione nel III Municipio, dove è stato svolto un prezioso lavoro di ricerca, una sorta di “laboratorio territoriale” sul lavoro artigiano. “Abbiamo costruito una rete – ha detto – con 43 artigiani nel nostro quadrante (Montescacro) alcuni di loro presenti come attività già dal 1965. I problemi che abbiamo riscontrato sono stati quelli della forma giuridica polverizzata mentre soltanto 15 di loro avevano una presenza sul web e, quindi, risultavano di fatto quasi invisibili. A Roma le imprese artigiane sui territori stanno scomparendo e in pochi anni si è assistito ad un loro calo verticale. Anche in questo Municipio il trend è lo stesso, con queste botteghe che ormai intercettano, abbiamo appurato, non più del del 5-10% della popolazione. E con realtà come il centro commerciale ‘Porta di Roma’ che li stanno spingendo alla morte”.

Alla necessità di “riscoprirsi come forza sociale, soprattutto in un momento di difficoltà delle comunità come quello che stiamo attraversando”, è stata infine Lucia Cuffaro del Movimento per la Decrescita Felice.

“Non ci sono studi in questo periodo di Covid sulle problematiche legate alla pandemia, dal punto di vista delle comunità e delle reti. Come Movimento il nostro agire si è subito indirizzato immediatamente nel fare ancor di più comunità e mutuo aiuto. A Roma abbiamo attivato una chat per riflettere insieme e poi scegliere come poterci incontrare in presenza, nel massimo della sicurezza e all’aria aperta. Quelli trattati sono stati spesso temi legati all’accoglienza, con una struttura di studio della facilitazione e della sociocrazia per supportare i circoli. Dal punto di vista più operativo abbiamo deciso di fare rete portando il tema della ‘decrescita felice’ nelle scuole, attraverso la progettazione di incontri e corsi, e nei quartieri attraverso la piantumazione degli alberi, con la rete della Mobilità sostenibile, dei Gas e delle dinamiche di basso impatto ambientale con Casetta verde”.

 

Appunti di ecologia integrale

La road map di Papa Francesco: dalla Evangelii Gaudium alla Fratelli Tutti“: https://fb.watch/dEgsNse8x_/

Oltre l’emergenza per promuovere la cultura della cura” – Don Maurizio Tarantino, Direttore Caritas di Otranto: https://fb.watch/dEgx2k-FER/

“Il processo sinodale: luogo dell’ascolto e della condivisione” – Mons. Francesco Pesce, Incaricato Servizio Pastorale Sociale e del Lavoro e Oliviero Bettinelli, Vicedirettore Servizio Pastorale Sociale e del Lavoro: https://fb.watch/dEgAkckCaK/

Custodi del creato al tempo dei cambiamenti climatici” – Cecilia Dall’Oglio, Direttrice programmi europei “Movimento Laudato Si’”, Pierluigi Sassi, Presidente Earth Day Italia: https://fb.watch/dEgEzichiA/

“Quando commerciare fa rima con armare”- Don Renato Sacco, Consigliere Nazionale Pax Christi, redattore di Mosaico di Pace: https://fb.watch/dEgK32ZCpd/

“Informare per partecipare: dal PNRR ai trattati internazionali” – Monica Di Sisto, giornalista, vicepresidente Fairwatch, osservatorio su commercio internazionale e clima e con Mariagrazia Midulla, responsabile clima ed energia WWF Italia https://fb.watch/dEgOrJVYfP/

“Dialogo fra generazioni, educazione e lavoro: strumenti per edificare una pace duratura” – don Tonio Dell’Olio, Presidente della Pro Civitate Christiana di Assisi, giornalista e redattore di Mosaico di Pace: https://fb.watch/dEgUr2TpWm/

Pace è giustizia sociale” – Nicoletta Dentico, responsabile programma di salute globale, Society for International Development (SID): https://fb.watch/dEgX_UItj9/

La finanza: meccanismi e responsabilità” – Simone Grillo, Banca Etica: https://fb.watch/dEg-LxIDhM/

“Migrazioni e migranti” – Luca Di Sciullo, Presidente Centro Studio e Ricerche IDOS: https://fb.watch/dEh2E6iAkj/

“A proposito di economia trasformativa” – Riccardo Troisi , economista e docente di Economia Trasformativa presso l’Università Cooperativa di Colombia: https://fb.watch/dEh61_WndS/

“Questa economia uccide” – Monica Di Sisto , giornalista, Vicepresidente di Fairwatch, osservatorio su commercio internazionale e clima: https://fb.watch/dEh9hhR_M6/

“Dalle buone prassi alla buona politica” – Toni Mira, giornalista Avvenire, esperto di problemi sociali: https://fb.watch/dEhbZaFxqX/

Il tortuoso mondo del lavoro. Sulle tracce di percorsi possibili” – Soana Tortora (Solidarius Italia) e con Marco Ruopoli (coop. SOPHIA): https://fb.watch/dEhff_xT6s/

Pensare progetti per iniziare processi. La sfida e la pazienza del lavoro di comunità” – Oliviero Bettinelli, Vicedirettore dell’Ufficio Pastorale Sociale e del Lavoro della Diocesi di Roma: https://fb.watch/dEhhQhipux/

“La comunità ecclesiale tra coerenze, impegno e annuncio. Tracce di un cammino” – Mons. Francesco Pesce, Incaricato Servizio Pastorale Sociale e del Lavoro: https://fb.watch/dEhjEhe0ex/

 

Editoriale

In Evidenza

Le parole di Liliana Segre

13 ottobre 2022

“Colleghe Senatrici, Colleghi Senatori, rivolgo il più caloroso saluto al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e a quest’Aula. Con rispetto, rivolgo il mio pensiero a Papa Francesco.

Certa di interpretare i sentimenti di tutta l’Assemblea, desidero indirizzare al Presidente Emerito Giorgio Napolitano, che non ha potuto presiedere la seduta odierna, i più fervidi auguri e la speranza di vederlo ritornare presto ristabilito in Senato. Il Presidente Napolitano mi incarica di condividere con voi queste sue parole: “Desidero esprimere a tutte le senatrici ed i senatori, di vecchia e nuova nomina, i migliori auguri di buon lavoro, al servizio esclusivo del nostro Paese e dell’istituzione parlamentare ai quali ho dedicato larga parte della mia vita”.

Per leggere il Discorso completo: http://www.pastoralesociale.diocesidiroma.it/index.php/il-discorso-di-liliana-segre-in-senato/

 

 

 

 

Iscriviti alla nostra Newsletter

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Calendario Eventi

Apri Calendario Completo

Novembre 2022
lunedì martedì mercoledì giovedì venerdì sabato domenica
31 Ottobre 2022 1 Novembre 2022 2 Novembre 2022 3 Novembre 2022 4 Novembre 2022 5 Novembre 2022 6 Novembre 2022
7 Novembre 2022 8 Novembre 2022 9 Novembre 2022 10 Novembre 2022 11 Novembre 2022 12 Novembre 2022 13 Novembre 2022
14 Novembre 2022 15 Novembre 2022 16 Novembre 2022 17 Novembre 2022 18 Novembre 2022 19 Novembre 2022 20 Novembre 2022
21 Novembre 2022 22 Novembre 2022 23 Novembre 2022 24 Novembre 2022 25 Novembre 2022 26 Novembre 2022 27 Novembre 2022
28 Novembre 2022 29 Novembre 2022 30 Novembre 2022 1 Dicembre 2022 2 Dicembre 2022 3 Dicembre 2022 4 Dicembre 2022