“Ispiraci il sogno di un nuovo incontro, di dialogo, di giustizia, di pace.

Stimolaci a creare società più sane e un mondo più degno senza povertà, senza violenza, senza guerre” (FT)



Un nuovo cammino di ecologia integrale


Nel contesto del Tempo del Creato, che si celebrerà fino a domenica 4 ottobre, e nel quinto anniversario della Laudato si’, Papa Francesco esprime la sua preoccupazione per il “debito ecologico” che si genera spremendo e sfruttando le risorse naturali.

Dio ha posto dei beni sul pianeta e noi non siamo i loro proprietari e dominatori. La tutela dell’ambiente non può essere assicurata sulla base del calcolo di costi e benefici. Bisogna prestare attenzione alla bellezza e amarla. La terra è un’eredità comune, i cui frutti devono andare a beneficio di tutti.

Cos’è ildebito ecologico? Papa Francesco lo spiega molto chiaramente: è lo squilibrio commerciale tra Nord e Sud, che ha gravi conseguenze ecologiche:

1% è la popolazione che ha più del doppio della ricchezza del resto del mondo;

821 milioni di persone che soffrono di deprivazione alimentare cronica;

5,50 USD sono i soldi con cui quasi la metà della popolazione mondiale vive ogni giorno;

2.200 milioni di persone non hanno accesso all’acqua potabile nelle loro case;

1/5 Molti popoli indigeni sono proprietari legali di un solo quinto delle terre che gestiscono da secoli.

Oggi più che mai dobbiamo ascoltare questo grido e promuoverlo concretamente, con uno stile di vita solidale.

Dobbiamo riconoscere che non abbiamo saputo custodire il creato con responsabilità. Papa Francesco non si stanca di ripeterlo: dobbiamo cambiare il nostro rapporto con il pianeta.

In questo cammino di conversione hanno iniziato a muoversi diverse associazioni e movimenti cattolici. Imparare, vedere, comprendere, attivarsi, rispondere, dedicarsi: queste le basi dei corsi che hanno portato ad avere 60 animatori Laudato Si’ certificati nella scorsa primavera e di altri 120 in formazione, che hanno partecipato durante l’estate. Vivendo l’Enciclica nelle loro vite hanno ispirato e attivato numerosi Circoli Laudato Si’. Adesso ci sono 12 circoli Laudato Si’ a Roma e 3 nel Lazio.

In questo contesto si sono legate tre importanti realtà, le organizzazioni cattoliche, i circoli e gli animatori Laudato Si’ che condividono insieme un nuovo cammino di ecologia integrale.

Se noi ci accostiamo alla natura e all’ambiente senza questa apertura allo stupore e alla meraviglia, se non parliamo più il linguaggio della fraternità e della bellezza nella nostra relazione con il mondo, i nostri atteggiamenti saranno quelli del dominatore, del consumatore o del mero sfruttatore delle risorse naturali, incapace di porre un limite ai suoi interessi immediati. Viceversa, se noi ci sentiamo intimamente uniti a tutto ciò che esiste, la sobrietà e la cura scaturiranno in maniera spontanea”. (Laudato Si’ 11)

 

 

 

Appunti di ecologia integrale

La comunità ecclesiale tra coerenza, impegno e annuncio. Tracce di un cammino

Lunedì 23 maggio alle ore 18:30 appuntamento con gli “Appunti di Ecologia integrale”, un percorso on line come momento di scambio, proposte, approfondimento alla luce del magistero di Papa Francesco.

Tema dell’incontro: “La comunità ecclesiale tra coerenza, impegno e annuncio. Tracce di un cammino”, ne parliamo con Mons. Francesco Pesce, Incaricato Servizio Pastorale Sociale e del Lavoro della Diocesi di Roma

Per vedere l’incontro: https://www.facebook.com/PastoraleSocialeRoma

Editoriale

L’Editoriale di Oliviero Bettinelli

La settimana” Laudato Si’” non è celebrativa e basta. E’ una tappa che ci permette di fermarci e di chiederci a che punto siamo del nostro cammino. Stiamo cercando con fatica di convertirci ad una una visione di ecologia integrale in un momento storico che non ci permette di vivere con calma e serenità per approfondire questa sfida.

Per leggere l’editoriale completo: http://www.pastoralesociale.diocesidiroma.it/index.php/la-settimana-laudato-si/

In Evidenza

Perdonaci la guerra

Città del Vaticano, 16 marzo 2022

Signore Gesù Cristo, Figlio di Dio, abbi misericordia di noi peccatori!
Signore Gesù, nato sotto le bombe di Kijv, abbi pietà di noi!
Signore Gesù, morto in braccio alla mamma in un bunker di Kharkiv, abbi pietà di noi!
Signore Gesù, mandato ventenne al fronte, abbi pietà di noi!
Signore Gesù, che vedi ancora le mani armate all’ombra della tua croce, abbi pietà di noi!
Perdonaci Signore, se non contenti dei chiodi con i quali trafiggemmo la tua mano, continuiamo ad abbeverarci al sangue dei morti dilaniati dalle armi.
Perdonaci, se queste mani che avevi creato per custodire, si sono trasformate in strumenti di morte.
Perdonaci, Signore, se continuiamo ad uccidere nostro fratello, se continuiamo come Caino a togliere le pietre dal nostro campo per uccidere Abele.
Perdonaci, se continuiamo a giustificare con la nostra fatica la crudeltà, se con il nostro dolore legittimiamo l’efferatezza dei nostri gesti.
Perdonaci la guerra, Signore. Signore Gesù Cristo, Figlio di Dio, ti imploriamo! Ferma la mano di Caino!
Illumina la nostra coscienza, non sia fatta la nostra volontà, non abbandonarci al nostro agire!
Fermaci, Signore, fermaci!
E quando avrai fermato la mano di Caino, abbi cura anche di lui. È nostro fratello. O Signore, poni un freno alla violenza!
Fermaci, Signore!

(Papa Francesco, Udienza Generale, 16 marzo 2022)

 

 

 

 

 

 

 

Iscriviti alla NewsLetter

Calendario Eventi

Apri Calendario Completo

maggio 2022
lunedì martedì mercoledì giovedì venerdì sabato domenica
25 aprile 2022 26 aprile 2022 27 aprile 2022 28 aprile 2022 29 aprile 2022 30 aprile 2022 1 maggio 2022
2 maggio 2022 3 maggio 2022 4 maggio 2022 5 maggio 2022 6 maggio 2022 7 maggio 2022 8 maggio 2022
9 maggio 2022 10 maggio 2022 11 maggio 2022 12 maggio 2022 13 maggio 2022 14 maggio 2022 15 maggio 2022
16 maggio 2022 17 maggio 2022 18 maggio 2022 19 maggio 2022 20 maggio 2022 21 maggio 2022 22 maggio 2022
23 maggio 2022 24 maggio 2022 25 maggio 2022 26 maggio 2022 27 maggio 2022 28 maggio 2022 29 maggio 2022
30 maggio 2022 31 maggio 2022 1 giugno 2022 2 giugno 2022 3 giugno 2022 4 giugno 2022 5 giugno 2022